Perché giocare con la matematica?

Il 18 marzo si è svolta a Mantova, presso il Liceo Scientifico Belfiore, la semifinale provinciale dei giochi matematici, organizzati in collaborazione con l’università Bocconi.
Fino a qualche giorno prima volevo ritirarmi per l’agitazione, poi mi sono convinta che sarebbe stata una bella esperienza, indipendentemente dal risultato che potevo ottenere.
Entrata nell’aula, la professoressa ha ritirato tutti i nostri cellulari e li ha appoggiati sulla cattedra; dopo averci spiegato come venivano valutate le prove, al suono della campanella, abbiamo cominciato a risolvere i problemi che ci proponeva la scheda.
Non c’era molto tempo per pensare, perché bisognava consegnare il foglio con i risultati il prima possibile: anche se ero ancora un po’ tesa, non ho trovato grande difficoltà a svolgerli.
Dopo qualche giorno, sul sito del liceo, sono stati pubblicati i risultati.
Mai e poi mai avrei immaginato di riuscire a qualificarmi per la finale di Milano, ma nella scuola non sono stata l’unica: una ragazza di terza è arrivata sesta nella classifica della sua categoria!

Chiara B.

Annunci