Martedì 16 Maggio siamo andati con la 2°D alle Grazie, un piccolo paesino nel comune di Curtatone…

Quando siamo scesi dall’autobus ci aspettavano 100 metri di camminata anche di più per andare a visitare il santuario “Beata Vergine Maria delle Grazie”, risalente al 1100 D.C.

L’ interno era “vecchio” nel senso che si vedeva e si sentiva che era molto antico e di grande valore storico/culturale. Finita la visita al santuario siamo andati in un parco dove ci aspettavano due barcaioli con rispettive barche di larga portata. Una volta saliti sulla barca ci dirigemmo lungo un percorso diverso da quello dell’ altra classe. Quando la nave partì mi prese per tutto il corpo un’ adrenalina che mi fece emozionare come non mai. Il nostro amico barcaiolo si presentò e ci disse di chiamarsi Dennis. Dennis è una giovane guida turistica molto preparata e legata alla tradizione dei suoi nonni, nel senso che quest’ ultimi sulle rive del fiume Mincio “ci vivevano” perché li pescavano, cacciavano e coltivavano fiori di loto. Il giro durò due ore all’in circa e Dennis ci spiegò la storia e ciò che si praticava nel fiume, poi ci illustrò le diverse specie di animali che ci vivono come: aironi, falchi di fiume, cigni e folaghe. ci “presentò” diversi animali che erano suoi “conoscenti”. La felicità che provai durante il viaggio era indescrivibile e anche il modo nel quale ci il barcaiolo ci parlava era coinvolgente perché si sentiva che riusciva a trasmettere con facilità a noi giovani l’ amore e l’ interesse per la natura. Finito il viaggio tornammo al parco e salutammo Dennis che ci regalò una barchetta fatta con maestria di fili di erba fiume. (T. Lorenzo)

Annunci