Super Size Me

Una sfida contro se stessi

Venerdì 7 Aprile 2017 a scuola, abbiamo guardato un documentario che raccontava di un uomo americano di nome Morgan  che ha fatto una sfida contro se stesso .
Voleva riuscire a mangiare tre volte al giorno per trenta giorni solo i cibi proposti al Mc Donald’s.
Per le prime settimane tutto sembrava scorrere tranquillamente, ma dal ventunesimo giorno ha iniziato ad avere dei problemi seri respiratori, sono poi seguiti il mal di testa, dolori allo stomaco e vomito.
Questo ci fa capire che una cattiva alimentazione può causare: infarti, tumori, pressione alta, problemi seri al fegato e danni irreparabili al nostro corpo.
Limitare le uscite ai fast-food e i troppi dolci possono essere un aiuto: non è il mondo che cambia, ma siamo noi che dobbiamo cambiare.
Ciò ha fatto capire che se si vuole cambiare non bisogna aspettare niente e nessuno , ma bisogna volerlo ed è una questione di responsabilità.

(Maria Vittoria S., Benedetta V., Alessandro M. 2D)

Annunci

Fast and Furious 7

Mitico, da vedere!

In Fast and Furious 7 la storia continua come da tradizione, con orgogliosa spacconeria. Jason Stathamè Shaw, il criminale che si mette sulle tracce di Dom Toretto, reo di avergli ucciso il fratello insieme al suo team nel capitolo precedente. La linea narrativa si mantiene semplice: recuperare un congegno capace di localizzare in tempo reale qualunque individuo sul pianeta e usarlo per trovare Shaw, prima che lui trovi i nostri eroi. Gli sforzi produttivi sono incanalati nelle numerose sequenze d’azione che raddoppiano e triplicano contemporaneamente, costringendo i personaggi a cavarsela in diverse situazioni. https://i1.wp.com/ilquotidianoinclasse.corriere.it/wp-content/uploads/2015/04/31d4541b8e926a24f0c9b835b68cfdf3.jpg

La storia inizia in California, si sposta sui monti del Caucaso, vola verso Abu Dhabi e si conclude con un ritorno infernale a Los Angeles. Anche stavolta al pubblico è offerta la grande occasione di sospendere l’incredulità, di gioire, divertirsi e applaudire di fronte ad automobili paracadutate e che volano da un edificio all’altro.