Prodotti mantovani

Prodotti mantovani tra ricette e poesie!

Dopo aver sentito la lettura della signora della Biblioteca di Cerese Laura Torelli di alcune poesie della raccolta “Parole da mangiare”, a cura della professoressa Alessandra Demonte, abbiamo preso spunto per inventare alcune liriche sui prodotti mantovani… sani: melone, pera e zucca. Ci è sembrato interessante sapere che questi frutti della terra erano già presenti sulle tavole dei Gonzaga e che pera e melone abbiano il marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta). Esistono ben sei qualità di pera mantovana. La zucca ci permette di preparare degli ottimi tortelli!

(Gli alunni della classe 1^B)

La zucca

Con la buccia spessa e verde,
ma l’interno non si vede.
Cosa c’è dentro di te?
Non lo mostri mai, perché?

Io ti posso cucinare
e dei bei tortelli preparare.

La tua polpa color arancione
a noi riempie il bel pancione.
Oh tramonto della tradizione
portaci di te una gran porzione!

(Vittoria M. 1^B)

La zucca

Oh zucca cicciona come il pancione di un omone,
con quei semi che sembran gocce.

Proprio tutta ti si può mangiare,
pure i semi saporiti con il sale!

Con te prelibatezze posso preparare:
tortelli di zucca da assaggiare.

Oh zucca, per me sei la numero uno
tra tutti gli ortaggi del mio giardino!

(Giorgia F. 1^B)

Il melone

Tu, melone, tondo come un pallone, succoso e dolce.

Quando ti vedo… che acquolina in bocca!

Quando ti assaggio… non so più cosa mangio!
Vorrei un’infinità di melone!
Tu, melone, che sei arancione
come il tramonto del sole.

(Giorgia F. 1^B)

Il melone

Caro il mio burlone
conosciuto come melone.

Cambi spesso carnagione,
prima giallo poi arancione.

Tu stai bene col prosciutto
anche se tu sei un frutto.

Con il pane, che bontà!
Forse ti mangio, chi lo sa.

(Vittoria M. 1^B)

La pera

Pera dolce e delicata,
con la polpa vellutata.

Tu stai bene con che cosa?
Col cioccolato Dolcerosa.

Io ti taglio in pezzettini
e li dono ai cagnolini
con la buccia verde chiaro

con un sapore assai raro.

Tu sei Mantovana doc.
Ma ti chiedo: ti piace il rock?

(Vittoria M. 1^B)

 

La pera

Pera, che scendi dalle stelle,
cadi, con le gocce più belle
e rinfreschi le bocche.

A Mantova di te ben sei le qualità sono
da mangiar con gli amici miei!

Fatti mangiare da me aspra o dolce
sai perché.

(Giorgia F. 1^B)

Annunci

Brutte storie: una serie immortale di storia… immortale

Siete negati in storia e nell’ultima verifica avete pensato che i Sioux fossero dei Pokemon? Allora questa serie di libri fa per voi. : )

Scritta dall’inglese Terry Deary, prende in giro la storia ma senza strafare. Racconta al lettore in maniera ironica e con l’aggiunta di fumetti che aiutano meglio a capire ciò di cui si parla. Spesso i personaggi dei fumetti sono le persone stesse di cui si parla.  Le pagine non sono tante ( poco più di 100 ) ma sono leggibilissime e i caratteri sono grandi. Tra un capitolo e l’altro si trovano quiz difficilissimi creati apposta per “far scoppiare in lacrime anche il professore più esperto” e curiosità per riempire un po’ del cervello, visto che c’è tanto spazio.

 

La collana brutte storie copre tutte le epoche esistenti, dall’età della pietra alla seconda guerra mondiale, spiegate meglio di un libro di storia di prima categoria, ma senza annoiare il lettore, sfatando tutti i miti conosciuti su personaggi leggendari, come il ritorno di Giovanna d’Arco e le gesta dell’incredibile(in tutti i sensi) San Giorgio, e creandone di nuovi. I titoli sono stati pubblicati tutti da Salani e costano un po’, ma essendocene una collezione completa nelle biblioteche della provincia si possono ordinare e leggere con tutta calma.

 

A mio avviso titoli più belli sono:

          

 

  1. Rovinosi Romani (con i consigli per evitare che una mucca vi salga sul tetto a portarvi sfortuna);
  2. Inauditi Stati Uniti (l’unico libro che vi insegna come organizzare una guerra  civile);
  3. Ribollenti Rivoluzioni (include immagini della collezione autunno-inverno 1789);
  4. Irosi Irlandesi (scoprite come diventare invisibili in battaglia);
  5. Villosi Vichinghi (all’interno le istruzioni per costruire un drakkar);
  6. Callosi Cavalieri e Mefitici Manieri (contiene il metodo per diventare cavalieri);
  7. Incavolati Incas (leggete come farvi eleggere divinità);
  8. Atroci Aztechi (imparate a fare sacrifici di massa);

 

Le serie “brutte scienze”, “morto che parla”,” brutta geografia”, “una cultura pazzesca” non sono state scritte da Deary ma contengono tracce del suo stile di scrittura.

Scritto da Unnamed#Writers ( Nicolò B. )